Successo di partecipazione nell’incontro finale del progetto “Sicurinsieme” sulla protezione civile partecipata della Bassa Val di Cecina, che si è svolto venerdì scorso 12 maggio a Cecina

Sala piena e grande qualità del dibattito e delle proposte scaturite. È questa la sintesi della serata finale del progetto partecipativo “Sicurinsieme” sul Piano di Emergenza intercomunale della Bassa Val di Cecina, finanziato dall’Autorità per la Partecipazione della Regione Toscana e promosso dalla gestione associata di protezione civile che vede cooperare i Comuni di Rosignano Marittimo (capofila), Cecina, Castagneto Carducci e Bibbona.
L’evento finale in plenaria si è tenuto venerdì scorso 12 maggio, dalle 18 alle 22, presso l’Hotel “La Buca del Gatto” di Cecina. “Si è trattato di un momento di discussione molto intenso e interessante, in cui i protagonisti sono stati i cittadini e i volontari delle associazioni di protezione civile dei quattro Comuni associati. Per quasi quattro ore i partecipanti hanno dibattuto attorno alle problematiche cruciali della sicurezza e dell’incolumità pubblica, che incrociano la questione fondamentale dell’efficienza e della funzionalità del Piano di Emergenza intercomunale”. Ha affermato il Vicesindaco di Rosignano Marittimo Daniele Donati che, assieme all’Assessore del Comune di Cecina Lia Burgalassi e all’Assessore del Comune di Bibbona Enzo Mobilia, è intervenuto sia all’apertura dei lavori che al momento delle conclusioni. “Abbiamo organizzato questo progetto sperimentale– ha aggiunto il Vicesindaco Donati – in ossequio al principio, ormai ampiamente diffuso, che occorra far uscire i Piani di Emergenza dai cassetti dell’ente e farli conoscere alla popolazione per incrementare la capacità di resilienza delle nostre Comunità in caso di eventi calamitosi”.

All’evento conclusivo del progetto circa sessanta partecipanti hanno dibattuto di protezione civile in modalità World Cafè, cioè attorno a tavoli di discussione informale, coordinati e stimolati dai facilitatori di Anci Innovazione, società del gruppo Anci Toscana, e assistiti da un punto di vista tecnico dallo staff dell’Ufficio Protezione Civile Intercomunale della Bassa Val di Cecina e dai funzionari dei quattro Comuni. Nella seconda parte della serata sono stati l’Ing. Susanna Berti e Franco Setti, funzionari  del Centro Intercomunale e l’Ing. Valeria Bertodo del Comune di Cecina, a rispondere alle numerose osservazioni e proposte avanzate dai tavoli di lavoro. Molte delle questioni scaturite saranno accolte e andranno a integrare il Piano di Protezione Civile Intercomunale in fase di predisposizione.

L’obiettivo del processo partecipativo – lo ricordiamo – era quello di chiamare un campione di cittadini a discutere di protezione civile, dei rischi del territorio e di auto protezione, oltre che delle metodiche che i Comuni della Bassa Val di Cecina adotteranno nel nuovo Piano di Emergenza per comunicare con la popolazione in caso di evento calamitoso. Un progetto sperimentale, visto che è la prima volta che a livello nazionale una gestione associata si cimenta in questo tipo di attività; ed è stata una sfida che è perfettamente riuscita. Sono state, infatti, centinaia le persone che hanno preso parte, nelle varie fasi progettuali, a questo primo esperimento di democrazia partecipativa applicata alla Protezione Civile nella Bassa Val di Cecina: nella fase iniziale, oltre al campione di popolazione selezionato, sono stati coinvolti in incontri formativi i ragazzi delle scuole dei quattro Comuni ai quali è stato spiegato cos’è la protezione civile e quali sono i corretti comportamenti da adottare in caso di emergenza.

L’obiettivo dell’evento finale di venerdì scorso era quello di prendere atto dei suggerimenti e delle proposte scaturite dai cittadini sulla base delle conoscenze acquisite all’interno del percorso partecipativo. Nei prossimi giorni sul portale “Partecipa Toscana” della Regione, nella stanza dedicato al progetto “Sicurinsieme” (http://open.toscana.it/web/sicurinsieme/home), sarà pubblicato l’accurato resoconto di quanto scaturito e chiunque potrà verificare di persona quanto siano state interessanti e, soprattutto, calzanti le indicazioni avanzate dai cittadini e dai volontari che hanno deciso di partecipare per dare il loro contributo alla pubblica amministrazione. Le proposte hanno riguardato le aree di attesa (cioè i luoghi sicuri dove dirigersi in caso di emergenza per ricevere la prima assistenza), la perimetrazione dei rischi del territorio, i suggerimenti per incrementare il livello di auto protezione tra i cittadini e l’indicazione degli strumenti comunicativi da privilegiare sia per potenziare la prevenzione, sia da adottare nel corso di emergenze. Inoltre una porzione di discussione è stata riservata ad approfondire la delicatissima tematica della gestione in emergenza delle persone con disabilità fisiche.

Adesso i Consigli comunali dei quattro Comuni, dopo il vaglio tecnico, faranno proprie le istanze scaturite dai cittadini nel corso del processo partecipativo inserendole nel Piano di Protezione Civile in fase di aggiornamento.

L’intero processo partecipativo è stato supervisionato da un Comitato di Garanzia composto da cinque rappresentanti delle associazioni del volontariato della Bassa Val di Cecina: Giuseppe Bernardo, Ernesto Spagnoli, Augusto Fustella, Luciano Fabiani e Alessandro Nassisi.